Cari amici, questi sono i miei consigli per preparare ottimi hamburger.

Se segui queste semplici regole, otterrai un panino gourmet!

La carne deve essere sminuzzata anziché tritata. Dovrebbe essere un mix equilibrato di controfiletto, collo e fiocco. L’ideale sarebbe tritarla al coltello in modo da avere la giusta consistenza. Per non seccare durante la cottura, deve contenere almeno il 20 per cento di grassi (anche se, personalmente, preferisco un buon 30%) infatti è l’elemento chiave che, abbinato alla giusta cottura, evita un risultato fibroso.

Dopo essere stata tritata, la carne viene pressata per formare dei medaglioni. L’operazione deve essere eseguita velocemente, per evitare che la miscela si riscaldi e il grasso si sciolga. La carne non deve essere pressata troppo vigorosamente: è importante bilanciare lo sforzo, affinché l’hamburger sia compatto e morbido allo stesso tempo.

Una volta formati gli hamburger, vanno conditi con sale e pepe e lasciati riposare in frigo per circa 20 minuti affinché acquisiscano gli aromi.

CUCINANDO

Prima di cuocere gli hamburger è bene ungerli leggermente e lasciarli riposare a temperatura ambiente per almeno 10 minuti, in modo che l’interno non sia troppo freddo.

L’hamburger viene posto su una griglia calda, senza aggiungere olio, cotto per circa 2 minuti per lato e girato una sola volta. È meglio non prolungare troppo la cottura e soprattutto non schiacciarla mai, per evitare di perdere i succhi. È meglio evitare cotture aggressive, consiglio di cuocere velocemente l’esterno e lasciare l’interno completamente crudo. A tal proposito vi consiglio il nostro carbone di mele e pere che dona un calore costante e non aggressivo. I più esperti potrebbero arricchire ulteriormente la cottura mettendo delle chips aromatizzate sulla brace dopo averle bagnate in modo da conferire agli hamburger un inconfondibile aroma di affumicato, più la cottura è graduale ed omogenea, migliore è il risultato.

Questi piccoli accorgimenti ti permetteranno di avere un hamburger morbido con la giusta consistenza. A cottura quasi ultimata, volendo, si può completare con sottili fette di formaggio. Togliere la carne con il formaggio dalla griglia e coprirla con un coperchio (o una ciotola di metallo) e lasciare che il formaggio si sciolga leggermente.

L’hamburger perfetto, oltre alla carne, comprende anche lattuga, pomodoro, formaggio e pancetta. La pancetta rende il sapore dell’hamburger più intrigante. La pancetta va tagliata a listarelle non troppo sottili, consiglio di intrecciare diverse strisce di pancetta a scacchiera prima di cuocerla sulla griglia. In questo modo l’hamburger sarà coperto in modo uniforme.

La lattuga deve essere croccante e fresca, con foglie di dimensioni equilibrate rispetto al pane. È meglio prendere i pomodori per le insalate. Un pomodoro deve essere sodo e non troppo maturo, aggiungo anche l’origano. Il formaggio ideale ha un sapore delicato e si scioglie bene senza inumidire la carne. L’originale è il cheddar, ma si possono usare anche provola e fontina.

Il pane deve essere morbido e deve assorbire bene il condimento. Inoltre, non deve gocciolare eccessivamente e deve poter essere morso facilmente. Prima di farcirlo con la carne dovrebbe essere leggermente tostato.

Questo viene fatto solo all’ultimo momento, quando la carne è quasi cotta.

E le salse? Dipende dal gusto, i miei figli adorano il ketchup, a me piace una nota speziata e affumicata, e a te?